rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Via Dante Alighieri

"Omaggi" ai dirigenti pubblici, nuovo regolamento: massimo 200 euro all'anno

Delibera di Giunta per la prevenzione della corruzione dei dipendenti pubblici dopo lo scandalo degli skipass gratuiti ai dirigenti. C'è anche una procedura specifica per rifiutare regalie omaggi che non potranno superare i 200 euro all'anno: il codice di comportamento verrà esteso anche a collaboratori e fornitori della pubblica amministrazione

Sugli "omaggi" a dirigenti e dipendenti pubblici interviene il presidente della Provincia fissando un tetto massimo: non più di 100 euro da ciascun donante per un massimo di 200 euro all'anno. Regali eventualmente accettati di importo superiore saranno devoluti in beneficenza. La regola è contenuta nei 18 articoli del nuovo codice di comportamento dei dipendenti provinciali, approvato nei giorni scorsi dalla Giunta, che sarà presto pubblicato sul sito della Provincia. Il codice "anticorruzione" è stato varato dopo alcuni episodi di "regali" a dirigenti pubblici che hanno fatto molto discutere, come il caso degli abbonamenti stagionali alle piste da sci, denunciato dal Movimento 5 Stelle l'inverno scorso.

Da oggi sarà vietato chiedere o accettare doni oltre la cifra massima fissata nero su bianco nel regolamento che, altra novità, sarà esteso a tutti i collaboratori, consulenti, titolari di incarico diretto, di strutture provinciali e di società fornitrici. E per chi venisse "tentato" ma volesse denunciare l'accaduto il regolamento prevede anche un'apposita procedura per confermare la volontà del dipendente di non accettare un certo regalo. Si terranno infine anche delle attività formative per tutti i dipendenti e collaboratori provinciali riguardo alla trasparenza ed integrità del comportamento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Omaggi" ai dirigenti pubblici, nuovo regolamento: massimo 200 euro all'anno

TrentoToday è in caricamento