Referendum anti-orso: niente da fare

Bocciato anche il secondo quesito, sebbene "formulato in modo chiaro". Per la commissione le iniziative richieste dalla Lega Nord e presentate ai trentini perchè potessero esprimersi sulla questione sono già state attivate dalla Provincia dopo le due aggressioni dell'estate

Niente da fare per il referendum della Lega sulla presenza dell'orso in Trentino. La commissione di esperti ha bocciato anche il secondo quesito presentato dal carroccio, in cui si chiedeva direttamente ai trentini di esprimersi affinchè la Provincia mettesse in atto misure per "contenere" il numero di plantigradi. Il quesito è formulato in maniera chiara, ma è inammissibile perchè l'amministrazione provinciale ha già adottato specifici provvedimenti in tal senso, questo il responso; che poi tali provvedimenti possano essere efficaci è tutto da vedere. Le iniziative indicate nel quesito,  prosegue la nota della commissione, coinciderebbero con quelle già appprovate dal Consiglio provinciale il 24  luglio scorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

Torna su
TrentoToday è in caricamento