Referendum anti-orso: niente da fare

Bocciato anche il secondo quesito, sebbene "formulato in modo chiaro". Per la commissione le iniziative richieste dalla Lega Nord e presentate ai trentini perchè potessero esprimersi sulla questione sono già state attivate dalla Provincia dopo le due aggressioni dell'estate

Niente da fare per il referendum della Lega sulla presenza dell'orso in Trentino. La commissione di esperti ha bocciato anche il secondo quesito presentato dal carroccio, in cui si chiedeva direttamente ai trentini di esprimersi affinchè la Provincia mettesse in atto misure per "contenere" il numero di plantigradi. Il quesito è formulato in maniera chiara, ma è inammissibile perchè l'amministrazione provinciale ha già adottato specifici provvedimenti in tal senso, questo il responso; che poi tali provvedimenti possano essere efficaci è tutto da vedere. Le iniziative indicate nel quesito,  prosegue la nota della commissione, coinciderebbero con quelle già appprovate dal Consiglio provinciale il 24  luglio scorso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento