menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reddito di garanzia: 350 domande con requisiti fasulli

I 350 cittadini che hanno ottenuto dalla Provincia il "reddito di garanzia" dichiarando nelle domande requisiti falsi, sono quasi tutti extracomunitari (310), e 30 trasgressori italiani

I 350 cittadini che hanno ottenuto dalla Provincia il "reddito di garanzia" dichiarando nelle domande requisiti falsi, sono quasi tutti extracomunitari (310), e tra i 30 trasgressori italiani 10 sono quelli coniugati con cittadini extracomunitari privi della residenza triennale in Trentino (10) richiesta per accedere al beneficio. Ne dà notizia oggi l'assessore alla salute e alle politiche sociali Ugo Rossi nella risposta a un'interrogazione del consigliere provinciale Pino Morandini del Pdl. 

Nell'evidenziare che i controlli sulle domande presentate entro il 30 giungo 2010 non sono ancora stati ultimati, l'assessore precisa che le irregolarità emerse riguardano la mancanza del requisito della residenza triennale in provincia di Trento. Residenza mancante nella maggior parte dei casi non al richiedente ma ad uno o più dei suoi familiari. Oltre alla residenza Rossi informa che è stata avviata in collaborazione con l'Agenzia del lavoro anche la verifica riguardante l'iscrizione dei richiedenti il reddito di garanzia ai Centri per l'Impiego. Al pari della residenza anche il requisito dell'iscrizione a un centro per l'impiego è necessario a tutti i componenti del nucleo familiare del richiedente che si trovano in età lavorativa, perché per ciascuno si tratta di rilevare la "disponibilità all'accettazione immediata di un lavoro", altra condizione indispensabile per ottenere il beneficio.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento