Un visore virtuale per vivere l'esperienza reale della violenza sulle donne

Esperimento proposto dal Comune di Trento in piazza D'Arogno per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Un visore virtuale di ultima generazione, per provare cosa significa essere una donna vittima di violenza. E' questa l'iniziativa promossa dal Comune di Trento per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne. 

Sabato 24 e domenica 25 novembre in piazza D'Arogno la sezione di Trento dell'Associazione Fidapa (Federazione italiana donne arte professioni affari) propone Realtà virtuale e esperienza vera... una realtà immersiva contro la violenza. Dalle 10 alle 17 verranno allestiti un maxischermo e uno stand coperto dove chiunque potrà vivere in assoluta sicurezza, attraverso la realtà virtuale e in particolare attraverso un visore di ultima generazione, la condizione di una donna che subisce violenza fisica e psicologica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scena in cui chi parteciperà si troverà immerso è tratta dal libro Marito amore incubo di Paola Maria Taufer, in cui si narra la storia che la stessa protagonista ha chiesto di raccontare e rendere pubblica. L'esperimento include le reazzioni dei soggetti che si sottoporranno alla visione: verranno infatti predisposti strumenti per raccogliere riflessioni ed opinioni, da utilizzare nell'ambito di studi e ricerche su questo tema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento