Rave abusivo con centinaia di persone: denunciati 9 ragazzi

Sono gli organizzatori dell'iniziativa non autorizzata che si è svolta sugli Altipiani Cimbri

Nove ragazzi tra i 20 e i 23 anni sono stati denunciati dai carabinieri di Rovereto per aver organizzato il rave party abusivo che si è svolto domenica a Martinella, fra i comuni di Folgaria e Terragnolo.

I giovani sono stati identificati come promotori dell'iniziativa non autorizzata, che è andata in scena nella verde cornice della vallata alpina, dove ha portato portando centinaia di persone provenienti anche da fuori Provincia e Regione e, scrivono i militari, "alimentando i rischi connessi anche con la contingente pandemia e la crescente difficoltà a fare rispettare le misure di tutela, soprattutto per alcune fasce della popolazione più giovane".

I controlli dei carabinieri, condotti unitamente alle altre Forze di Polizia, si sono protratti per tutta la domenica fino a notte inoltrata e hanno consentito di indentificare la massima parte degli intervenuti e rinvenire a terra nonché sequestrare oltre mezzo etto di stupefacenti a carico di ignoti, 6 grammi di droghe sintetiche (ecstasy) 11 grammi di cocaina, 18 di
hashish e 14 di marijuana. Inoltre, un 30enne di origine marocchina è stato denunciato in stato di libertà per guida senza patente, poiché gli era già stata sospesa in occasione di un precedente controllo.

Il rave con centinaia di persone

A denunciare l'accaduto era stato il sindaco Michael Rech, che aveva contattato le forze dell'ordine dopo le numerose segnalazioni da parte degli abitanti. Decine di ragazzi e ragazze, venuti anche da fuori provincia, erano stati identificati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La musica era risuonata nel silenzio dell'altopiano. Ma già nel pomeriggio, in ogni caso, il viavai di auto aveva insospettito molti. "Abbiamo visto più volte questi prati gremiti di tanti amici della montagna per i Suoni delle Dolomiti ma così davvero mai. Musica a livelli altissimi, centinaia di autovetture e nessun rispetto per l’ambiente e per la memoria" aveva scritto il primo cittadino su Facebook. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Barche e canoe non reclamate sul lago: il Comune di Levico mette tutto all'asta

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Coronavirus in Trentino: nuovo picco di contagi, 79 classi in quarantena e due pazienti in rianimazione

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento