Cronaca Centro storico

Duemila stranieri senza lavoro. Povertà in aumento tra gli italiani

I dati sono del 2011 ed emergono dal 22/o dossier statistico sull'immigrazione, a cura della Caritas e della Fondazione Migrantes, presentato oggi a Trento. Si è registrato un notevole incremento delle richieste

Gli stranieri che in Trentino hanno registrato una cessazione dal lavoro nel 2011 sono circa 2.000 in più di quelli che sono stati assunti almeno una volta. I dati sono del 2011 ed emergono dal 22/o dossier statistico sull'immigrazione, a cura della Caritas e della Fondazione Migrantes, presentato oggi a Trento. Circa un migliaio di lavoratori stranieri risulta iscritto nelle liste di mobilità a fine 2011. Solo il settore dell'agricoltura sembra mantenere un saldo occupazionale positivo. Gli stranieri sfiorano il 10% della popolazione residente in Trentino. Risentono della crisi economica più degli italiani. Sono 5 volte più esposti agli effetti della recessione rispetto ai trentini. 

Più in generale, nel 2011 le persone incontrate dalla Caritas sono state 5.764 (il 74% delle quali di origine straniera), con un aumento del 5% rispetto al 2010. La principale zona di provenienza si conferma l'europa orientale, seguita da Maghreb ed Africa sub sahariana. Nei servizi Caritas, a fronte di un leggero aumento delle presenze (+3%), si è registrato un notevole incremento delle richieste totali, anche da parte di italiani (+ 12%). L'aiuto più richiesto è stato il pacco viveri (+ 16%), mentre le richieste di aiuto economico sono più che raddoppiate. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duemila stranieri senza lavoro. Povertà in aumento tra gli italiani

TrentoToday è in caricamento