Sequestrato per la marijuana, gli rubano anche lo smartphone

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda portata alla luce dai carabinieri della Valsugana

Emergono nuovi dettagli nell'operazione "Ransom", che  ha portato all'arresto di quattro persone (la quinta è latitante) per sequestro di persona e traffico di droga. Ai cinque indagati ora è contestato anche il reato di rapina, compiuta per occultare un altro reato. Dopo aver rapito un ventenne della Valsugana, "colpevole" di essersi fatto rubare una partita di marijuana da migliaia di euro, i malviventi avrebbero anche rubato il suo smartphone, come "pegno" per la droga scomparsa. Il valore dello smartphone, circa 500 euro, sarebbe poi stato "scalato" dal conto di 7000 euro pagato dal  padre  per ottenere la liberazione del figlio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

  • Aeroporto di Bolzano: in arrivo voli per Roma, Vienna e altre destinazioni

Torna su
TrentoToday è in caricamento