Sequestrato per la marijuana, gli rubano anche lo smartphone

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda portata alla luce dai carabinieri della Valsugana

Emergono nuovi dettagli nell'operazione "Ransom", che  ha portato all'arresto di quattro persone (la quinta è latitante) per sequestro di persona e traffico di droga. Ai cinque indagati ora è contestato anche il reato di rapina, compiuta per occultare un altro reato. Dopo aver rapito un ventenne della Valsugana, "colpevole" di essersi fatto rubare una partita di marijuana da migliaia di euro, i malviventi avrebbero anche rubato il suo smartphone, come "pegno" per la droga scomparsa. Il valore dello smartphone, circa 500 euro, sarebbe poi stato "scalato" dal conto di 7000 euro pagato dal  padre  per ottenere la liberazione del figlio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

Torna su
TrentoToday è in caricamento