Sequestrato per la marijuana, gli rubano anche lo smartphone

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda portata alla luce dai carabinieri della Valsugana

Emergono nuovi dettagli nell'operazione "Ransom", che  ha portato all'arresto di quattro persone (la quinta è latitante) per sequestro di persona e traffico di droga. Ai cinque indagati ora è contestato anche il reato di rapina, compiuta per occultare un altro reato. Dopo aver rapito un ventenne della Valsugana, "colpevole" di essersi fatto rubare una partita di marijuana da migliaia di euro, i malviventi avrebbero anche rubato il suo smartphone, come "pegno" per la droga scomparsa. Il valore dello smartphone, circa 500 euro, sarebbe poi stato "scalato" dal conto di 7000 euro pagato dal  padre  per ottenere la liberazione del figlio. 

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Sub tenta di battere il record nel Garda ma muore durante l'immersione

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento