Sequestrato per la marijuana, gli rubano anche lo smartphone

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda portata alla luce dai carabinieri della Valsugana

Emergono nuovi dettagli nell'operazione "Ransom", che  ha portato all'arresto di quattro persone (la quinta è latitante) per sequestro di persona e traffico di droga. Ai cinque indagati ora è contestato anche il reato di rapina, compiuta per occultare un altro reato. Dopo aver rapito un ventenne della Valsugana, "colpevole" di essersi fatto rubare una partita di marijuana da migliaia di euro, i malviventi avrebbero anche rubato il suo smartphone, come "pegno" per la droga scomparsa. Il valore dello smartphone, circa 500 euro, sarebbe poi stato "scalato" dal conto di 7000 euro pagato dal  padre  per ottenere la liberazione del figlio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Limiti di velocità solo per le moto sulle strade di montagna

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento