Val di Non / Val di Non

Val di Non, rapiscono tordi dal nido: due denunce

L'operazione realizzata grazie alla collaborazione tra Corpo forestale e i custodi forestali comunali

Due le denunce a seguito dell'operazione di contrasto al prelievo di uccellini dal nido nei meleti della media Val di Non, realizzata grazie alla collaborazione tra il Corpo forestale del Trentino ed i locali custodi forestali comunali. La notizia è stata divulgata dalla PaT nel primo pomeriggio di lunedì 13 giugno, che ha sottolineato che questa attività illegale è storicamente registrata sul territorio trentino e non solo, in particolare nelle coltivazioni a frutteto. Tanto che le due persone identificate provenivano da fuori provincia.

Nei giorni scorsi, durante un'attività di vigilanza del territorio da parte dei custodi forestali dei Comuni di Ville d’Anaunia e Cles, sono state notate due persone che, in una giornata di pioggia intensa, provviste di stivali in gomma si allontanavano dall’auto per inoltrarsi nelle coltivazioni di melo presenti in zona, perlustrando con particolare attenzione le chiome degli alberi.

Le successive attività di osservazione e controllo condotte dal personale del Corpo forestale del Trentino hanno permesso di accertare che si era consumato un illecito prelievo di nidiacei, appartenenti alla specie tordo bottaccio (Turdus philomelos) conservati in una piccola borsa di plastica. Una volta recuperati, gli uccelli sono stati consegnati al Centro di recupero avifauna di Trento, gestito dalla Lipu, per le cure necessarie e per la successiva liberazione in natura una volta ritenuti abili al volo e autosufficienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Val di Non, rapiscono tordi dal nido: due denunce
TrentoToday è in caricamento