Rapina al Mercatone Uno, Panizza: "Forze dell'ordine troppo lente"

"L'episodio mi ha colpito non solo perchè cose di questo tipo non sono mai avvenute da noi ma anche per la lentezza con cui le forze dell'ordine sono intervenute" scrive su facebook il senatore autonomista che ha depositato un'interrogazione al Ministero degli Interni

Sull'episodio criminale al Mercatone Uno di San Michele al'Adige si sono susseguiti in questi giorni messaggi di soliderietà a gestori e dipendenti e di sgomento per quanto successo anche da parte di esponenti politici. Al riguardo il senatore del Patt Franco Panizza ha inviato anche un'interrogazione al Ministero dell'Interno avanzando "il sospetto che i tagli operati alla sicurezza del Paese siano stati tali da compromettere l'efficenza e l'efficacia del nostro sistema di ordine pubblico. Infatti, la Stazione dei Carabinieri di San Michele è aperta solo al mattino e le volanti pare siano in numero insufficiente" visto che, si legge nel testo, "i dipendenti hanno immediatamente attivato l'allarme, ma i malviventi hanno avuto il tempo per farsi aprire la cassaforte, sfondare le vetrine dei gioielli e dileguarsi prima che arrivassero le Forze dell'Ordine".

Le spese per le forze dell'ordine, si sa, sono tra quelle di competenza dello Stato anche nelle regioni a statuto speciale come la nostra e proprio questo punto era stato oggetto di ironia da parte del giornalista Bruno Vespa nella tanto contestata trasmissione andata in onda qualche giorno fa in cui si chiedeva al governatore dell'Alto Adige Kompatscher di "rinunciare ai contributi per la tata e pagare almeno la benzina ai carabinieri". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento