menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

'Nonnina' raggirata e derubata di gioielli e denaro: arrestato il 'ladro attore'

L'uomo era riuscito a conquistare la fiducia dell'anziana, residente a Trento, grazie ai suoi modi premurosi, recitando un copione impeccabile

Era riuscito a guadagnarsi la fiducia di un'anziana grazie ai suoi modi educati e premurosi. Poi era arrivato a farsi consegnare i suoi gioielli e a farsi prestare migliaia di euro. Protagonista un pregiudicato di 57 anni, che è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Cles con le accuse di circonvenzione di incapace e truffa. La vittima è una 90enne residente a Trento.

Il raggiro

Il 57enne ha seguito con la donna una tecnica già da lui consolidata in passato. La prima volta, riferiscono i militari, l’aveva avvicinata in un negozio offrendosi di accompagnarla a casa, ed era così riuscito a conquistare la considerazione della signora. L'indagato aveva poi iniziato a frequentare la casa della 'nonnina', prima per un caffè, poi per più lunghe chiacchierate. In queste occasioni aveva notato i gioielli della signora, che con il pretesto di affidarli ad una persona per lucidarli, era riuscito a farsi consegnare.

In seguito, il 'ladro attore' - che in passato aveva recitato lo stesso copione più volte - aveva indotto la 90enne a concedergli prestiti per quasi 5mila euro, sostenendo che si trovava in uno stato di necessità perché a breve avrebbe sposato una donna che aspettava il suo bambino. Ma le continue richieste di denaro e la mancata restituzione dei gioielli hanno spinto l'anziana a confidarsi con sua figlia. Da lì è scattata la denuncia alla Questura di Trento.

L'arresto

La Squadra Mobile è riuscita a rintracciare l'indagato, che è stato poi arrestato dai carabinieri della Compagnia di Cles. L’autorità giudiziaria, sulla base delle indagini, ha giudicato assolutamente gravi gli indizi di colpevolezza raccolti a carico dell’uomo e, in ragione anche della sua oggettiva “pericolosità” – dedotta chiaramente da altri, numerosi reati della stessa natura commessi, con regolarità, in giro per l’Italia – ne ha disposto gli arresti domiciliari.



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento