Rovereto, ragazzo aggredito in centro, cade e rimane incosciente: portato in ospedale

L'episodio è avvenuto verso le 21:30 di lunedì 3 febbraio. Sul posto 118, con due ambulanze, e carabinieri

Repertorio

Un giovane di 27 anni trasportato in ospedale. È il risultato dell'aggressione che è avvenuta nella serata di lunedì 3 febbraio, verso le 21:30, nel centro di Rovereto. Sul posto sono accorsi Trentino Emergenza, con due ambulanze, e i carabinieri di Rovereto.

In base a quanto ipotizzato dai militari, una discussione tra la vittima e il suo aggressore sarebbe degenerata trasformandosi in un vero e proprio scontro fisico, tra spintoni, colpi e pugni. Si presume l'aggressione sia scattata per futili motivi. Dopo aver colpito il giovane, l'assalitore si è dato la fuga, riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Il 27enne al momento dell'arrivo dei soccorritori era incosciente, probabilmente svenuto cadendo a terra per l'effetto dell'alcol, che avrebbe assunto in grandi quantità. Per questo non è stato in grado di riferire nulla su quanto accaduto né ai carabinieri né ai soccorritori, anche se sul corpo e sul viso portava i segni del pestaggio. Portato all'ospedale di Rovereto per accertamenti, non gli è stato riscontrato nulla di grave. Nella mattinata di martedì 4 febbraio - riferisce Trentino Emergenza - il giovane si è allontanato volontariamente dal pronto soccorso. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri di Rovereto, guidati dal capitano Pablo Salari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento