Infrazioni al decreto coronavirus: in Trentino più di 100 denunce

Proseguono i controlli delle forze dell'ordine

Proseguono senza sosta i cotrolli di tutte le forze dell'ordine per  il rispetto del decreto "Io testo a casa" relativo all'emergenza coronavirus. Le denunce in Trentino hanno ampiamente superato  il centinaio. Nei giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato, dei corpi di Polizia locale e dei carabinieri  si  sonoo imbattuti nei casi più disparati: tanti i  giovani che sono stati sorpresi a muoversi senza giustificazione su  tutto il territorio, alcuni anche a grande distanza dal comune di residenza.

Qualcuno, sorpreso  nei boschi, ha detto di essere andato "per funghi". Giustificazione evidentemente fuori stagione. C'è poi il ciclista di Rovereto fermato a Trento che ha filmato il momento del fermo immortalandolo in un video presto diventato virale. A Caldonazzo un pescatore che era in barca nel mezzo del lago è stato fermato una volta rientrato a riva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

Torna su
TrentoToday è in caricamento