menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orsa abbattuta, il sindacato di polizia: "Proteste prevedibili, ed evitabili"

Anche il Coisp contro l'abbatttimento di KJ2. Non per "sentimentalismo" ma per il "rischio di gesti eclatanti" da parte del mondo animalista. Nel frattempo la protesta di ieri è stata un flop

Anche il sindacato indipendente delle forze dell'ordine contro l'abbattimento dell'orsa KJ2, non per "sentimentalismo o animalismo della domenica" ma per "gli effetti che l'uccisione sta avendo sull'opinione pubblica, che ci coinvolgono direttamente e che si potevano e si dovevano mettere in preventivo". Il riferimento è alle proteste,  prevedibili, del mondo animalista come quella di ieri, martedì di Ferragosto, con una decina di auto a passo di lumaca tra Riva e Trento.

Poche decine di persone, disagi contenuti. Questa volta al boom il indignazione animalista sui social network sembra avere pochi riscontri nella realtà. C'è chi dice di aver disdetto le vacanze in Trentino (alcune lettere sono giunte anche ala nostra redazione) ma l'assessore al Turismo Michele Dallapiccola assicura che, alla prova dei numeri, si tratta di un fenomeno ininfluente.

Rassicurazioni che non bastano a placare le critiche da parte del Coisp, il sindacato indipendente delle forze di polizia, che usa parole pesanti nei confronti dell'amministrazione provinciale: "Agire d’impulso senza valutare le conseguenze dei propri atti non è espressione di autonomia ma di incoscienza - scrive il segretario generale Sergio Paoli.

"Non ci interessano gli isterismi di chi sta 11 mesi e mezzo in città, magari con una pelliccia nell’armadio o mangiando salumi di selvaggina e che ora si indigna per la morte di un orso - prosegue Paoli - quel che è certo e che era prevvedibile è il rischio per  l'ordine pubblico, compresi gli estremismi che purtroppo si celano dietro queste associazioni e approfittano del momento per compiere gesta eclatanti e pericolose per tutti".  Sabato è  prevista una nuova protesta, prima in piazza Dante a Trento e poi con un presidio a Cadine, nella zona dell'abbattimento di KJ2. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento