Proseguono i lavori di riqualificazione della Villa Romana di via Rosmini

Se ne parla da vent'anni ed il progetto definitivo ne ha almeno dieci: finalmente sono iniziati i lavori di riqualificazione alla Villa Romana di via Rosmini che tornerà accesibile tra due anni

foto di Maurizio Rossi

Proseguono i lavori di riqualificazione della Villa Romana di via Rosmini, un sito archeologico che custodisce importanti mosaici di età tardo-imperiale, tra cui quello più famoso raffigurante Orfeo con le fiere, caduto nel dimenticatoio dopo quasi vent'anni di inaccessibilità al pubblico. Di una riqualificazione dell'area si parla da almeno dieci anni, ed il progetto definitivo è stato approvato nel 2004 e solamente nel 2013 l'intervento ha avuto l'ok del Comune e della Provincia, per la parte economica.

Nelle scorse settimane gli escavatori sono entrati in azione per demolire la vecchia struttura in cemento risalente agli anni Ottanta, in questi giorni il pavimento della villa è stato ricoperto con pannelli di legno. La fermata degli autobus di via Rosmini è stata spostata di una decina di metri ed è stato realizzato un marciapiede provvisorio. Al suo posto della vecchia struttura sorgerà una struttura in metallo e vetro, in modo da rendere visibile il pavimento a mosaico anche dall'esterno. Attorno alla struttura sarà realizzata un'area verde con rampe d'accesso al livello della villa. L'importo dei lavori ammonta a 1.355.516 euro e la durata prevista è di 565 giorni. 

maurizio rossi 2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento