menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accoglienza ai profughi dalla Libia: spesi quasi un milione di euro

Nel 2011 in totale sono stati spesi 977 mila euro: di questa cifra 392 mila vanno per l'accoglienza in 45 alloggi e altri 391 mila per buoni spesa e carte di credito prepagate, oltre che il diritto alle prestazioni sanitarie

La scorsa primavera l'allarme per la presunta invasione dell'Italia da parte degli immigrati del Nord Africa; Lampedusa presa d'assalto, le polemiche per l'arrivo di un' "ondata" di stranieri; la mobilitazione della protezione civile. Oggi, rispondendo ad un'interrogazione di Claudio Civettini della Lega, il presidente della Provincia Lorenzo Dellai ha tracciato il quadro della situazione: da noi sono arrivati dall'aprile all'agosto scorso 223 stranieri, quattordici se ne sono andati (4 di questi sono stati espulsi), un bambino nigeriano è nato in novembre, quindi siamo a quota 210.

Quanto costano questi profughi al contribuente trentino? Nel 2011 in totale 977 mila euro. Di questa cifra 392 mila vanno per l'accoglienza in 45 alloggi (10 dei quali a Trento) e altri 391 mila per buoni spesa e carte di credito prepagate. Dellai nella risposta precisa inoltre che queste persone, perché hanno lo status di profughi, hanno diritto alle prestazioni sanitarie. La nazionalità più rappresentativa è quella del Mali seguita dalla Somalia. Tra i profughi c'è anche un cittadino proveniente dalla Siria, Paese sotto il tallone di una dittatura che sta mostrando un volto sempre più feroce. Altro particolare degno di nota: l'età media di questi migranti è di 25 anni, il più giovane ha un mese e mezzo, il più vecchio 45 anni. Duecentodue sono i maschi otto le donne. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento