Aldeno: lite per una precedenza, insegue il "rivale" e gli sfascia l'auto

Ha inseguito, speronato ed infine bloccato l'auto che aveva saltato la precedenza prendendo a calci e pugni la carrozzeria provocando danni per 3000 euro. Infine è stato identificato e denunciato dai carabinieri

Una precedenza saltata presa come un "affronto" da un automobilista particolarmente irascibile che ha scatenato un inseguimento degno di un film di Tarantino: è successo ad Aldeno dove i carabinieri hanno denunciato a piede libero un 22enne vicentino per violenza privata e danneggiamento. "Futili questioni di precedenza" scrivono i militari in un comunicato: è quanto è bastato al giovane per darsi all'inseguimento dell'auto "rivale" guidata da un ragazzo più giovane di lui.

Dopo averlo affiancato e speronato con l'auto, "con manovra estremamente spregiudicata e rischiosa anche per l'incolumità  di altri utenti della strada lo costringeva ad affiancarsi e da ultimo, dopo aver tentato di aprire con forza la portiera del conducente per affrontarlo colpiva ripetutamente con calci e pugni la carrozzeria dell'autovettura". Sono queste le parole dei carabinieri che descrivono l'agghiacciante episodio finito con una denuncia per il 22enne, risultato poi essere pluripregiudicato, e quasi 3000 euro di danni sulla vettura del neopatentato. 

Potrebbe interessarti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Rientro dal Ferragosto: A22 da "bollino nero"

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

  • Tamponamento a catena: in sette all'ospedale compresi due bimbi

Torna su
TrentoToday è in caricamento