Fugatti sui profughi pakistani: "Il rischio è che ne arrivino altri"

"Prenderemo una decisione nei prossimi giorni" spiega il presidente, nel frattmpo però si apprende dai giornali che ai 40 pakistani la struttura è negata dalle 7 del mattino alle 10 di sera

"Sui profughi pachistani prenderemo una decisione nei prossimi giorni, naturalmente nel rispetto delle normative. Stiamo verificando la loro posizione giuridica. Il nostro timore è che se accogliamo in questo modo, senza verificare attentamente i requisti dei richiedenti, si alimenti il rischio di arrivi incontrollati ed irregolari. Di qui la richiesta agli organismi preposti di fornirci ulteriori informazioni circa lo status delle persone che hanno usufruito del progetto promosso dall'amministrazione comunale. Attendiamo quindi queste verifiche prima di prendere una decisione in merito all'utilizzo della struttura di Via Fersina".

E' quanto  ha riferito il presidente della  Provincia  Maurizio Fugatti nella seduta del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza, al quale partecipa anche il sindaco di Trento Alessandro Andreatta. E' stato proprio il Commune, circa un mese  fa, a trasferire  i 40 profughi pakistani  nella  struttura provinciiale, a sue  spese. Nel frattempo però,, secondo quanto si apprende dai giornali, al gruppo di  richiedenti asilo  pakistani è stato  proibito di consumare pasti nella  struttura, e saranno perciò allontanati alle 7 del mattino per fare ritorno allle 10 (leggi l'articolo, clicca qui...)
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

Torna su
TrentoToday è in caricamento