Poste Italiane apre le porte al digitale: open day nell’istituto Tambosi di Trento per avvicinare tutti alla comunicazione digitale

L’iniziativa segue il successo del progetto “Nonni in Rete. Tutti giovani alle Poste” nato per favorire l’alfabetizzazione digitale degli over 65

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Porte aperte sul mondo digitale. In linea di continuità con l'iniziativa "Nonni in rete. Tutti giovani alle Poste", il progetto di alfabetizzazione digitale che ha permesso agli over 65 di scoprire i segreti della navigazione su internet e dell'uso di smartphone e tablet, Poste Italiane e la Fondazione Mondo Digitale hanno promosso il 26 aprile un Open Day aperto a tutti i cittadini, giovani e meno giovani, desiderosi di acquisire dimestichezza con i nuovi strumenti dell'era digitale. Ad ospitare la manifestazione l'Istituto I.T.E. Tambosi di Trento, con l'apertura di uno "sportello digitale" dove gli studenti e i loro genitori sono andati a lezione da quegli stessi nonni che, nel frattempo, sono diventati padroni della materia. Partito nel 2015, il progetto di alfabetizzazione digitale ha finora coinvolto oltre mille "over 65" su tutto il territorio nazionale, di cui 40 in provincia di Trento, e altrettanti studenti che hanno svolto la funzione di "tutor" in programmi di 15 lezioni da due ore ciascuna. L'Open Day vuole sottolineare gli effetti positivi del passaggio generazionale: sono stati infatti i Nonni a formare i giovani alla nuova cultura digitale e ad insegnare i segreti delle diverse applicazioni digitali a quanti hanno partecipato all'evento con il desiderio di scoprire le potenzialità della comunicazione in mobilità, l'uso più efficace di smartphone e tablet e le app che aiutano a risolvere problemi pratici, come PostePay, BancoPosta e Ufficio Postale. L'originale task force intergenerazionale di studenti, nonni e docenti coordinatori, ha spiegato quindi come utilizzare le app per inviare una lettera o una raccomandata, fare un pagamento, gestire la spedizione di un pacco anche da casa, ed allo stesso tempo come comunicare con una persona lontana o rivedere un programma televisivo. Con un computer, uno smartphone o un tablet, molte operazioni prima complicate diventeranno facili, con pochi click o qualche tocco se si usano strumenti touch. Il progetto è frutto dell'alleanza strategica tra Poste Italiane, sensibile ai temi delle pari opportunità di accesso ai nuovi servizi, e la Fondazione Mondo Digitale, impegnata nella diffusione delle nuove tecnologie tra le fasce della popolazione a rischio di esclusione digitale e sociale. L'iniziativa, che ha il duplice obiettivo di favorire la vita attiva degli over 65 e valorizzare il contributo dei giovani alla formazione digitale.

Torna su
TrentoToday è in caricamento