Poste italiane: premiato l'ufficio di Malé

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Poste Italiane premia gli uffici postali che hanno raggiunto risultati di eccellenza nell’offerta alla clientela di servizi e prodotti postali, finanziari e di comunicazione. La manifestazione si è tenuta martedì 13 ottobre a Padova in occasione del Meeting di Poste Italiane e Cassa Depostiti e Prestiti sul tema del risparmio postale e la qualità dei servizi mirati alla soddisfazione di milioni di clienti che ogni giorno si recano negli uffici postali.

Presenti all’evento, tra gli altri, il responsabile degli uffici postali del Nord Est Dario Sciacca, 14  direttori di Filiale e numerosi collaboratori selezionati tra le strutture di staff e commerciali, oltre a 359 direttori degli uffici postali più rappresentativi dell’area.

In provincia di Trento, un premio è andato all’ufficio postale di Malé, primo nel Nord Est per i risultati conseguiti nei servizi postali: in particolare per il numero complessivo di raccomandate e assicurate accettate agli sportelli.

Sul tema del risparmio, il responsabile Nord Est Sciacca ha sottolineato come “Libretti e Buoni Fruttiferi, tradizionali prodotti di Cassa Depositi e Prestiti legati al risparmio postale, e l'insieme di persone, di conoscenze e di strutture che ne permettono la loro diffusione testimoniano come il gruppo Poste Italiane contribuisca al finanziamento dello sviluppo e della modernità e costituisca il motore della crescita del sistema Paese. I risultati conseguiti dimostrano che Poste Italiane, anche grazie alla sua capillarità, resta la cassaforte sicura dei risparmi degli italiani. Risultati ottenuti grazie alla grande qualità del lavoro svolto e alla capacità di porre sempre il cliente al centro dei nostri interessi per rispondere al meglio ad ogni sua esigenza. Il successo nella raccolta risparmio conferma il ruolo fondamentale che Poste Italiane gioca sul territorio e nelle scelte dei risparmiatori”.

Torna su
TrentoToday è in caricamento