Poste italiane e associazioni dei consumatori: due nuovi conciliatori in Trentino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Il 20 e 21 aprile si è svolto a Mestre un corso per formare nuovi conciliatori delle Associazioni dei Consumatori del Nordest alla procedura di conciliazione postale coordinato da Romolo Giacani, responsabile nazionale dei Rapporti con le Associazioni dei Consumatori di Poste Italiane. Erano presenti 20 rappresentanti delle principali associazioni del territorio: Adiconsum, Federconsumatori, Adoc, Lega Consumatori, Adoc, Assoconsum, Movimento Consumatori, Unione Nazionale Consumatori, Assoutenti, Casa del Consumatore, Udicon.

In Trentino sono stati formati due nuovi conciliatori per Adoc e Federconsumatori.

La Conciliazione è una procedura extragiudiziale e gratuita che ha l'obiettivo di ristabilire la fiducia tra Poste Italiane e chi ha subito un disservizio. Si può ricorrere alla procedura per controversie fino a 600 euro che riguardano Posta Celere, Posta Assicurata, Posta Raccomandata, Posta raccomandata 1, Telegramma, Pacco ordinario, paccocelere 1, paccocelere 3. E' possibile presentare domanda di conciliazione anche per le spedizioni internazionali nella tratta nazionale (pacco internazionale, Quick Pack Europe, Ems). La controversia sarà esaminata dalla Commissione di Conciliazione composta da un rappresentante di Poste Italiane e da un rappresentante delle Associazioni di Consumatori per conto del cliente. La domanda di Conciliazione può essere presentata solo se è stato già effettuato reclamo e la risposta di Poste Italiane sia stata ritenuta insoddisfacente.

Dall'inizio della procedura in Trentino Alto Adige sono state discusse 116 domande di conciliazione.

Torna su
TrentoToday è in caricamento