menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il portico della chiesa di san Marco a Trento

Il portico della chiesa di san Marco a Trento

"Schiamazzi, droga, alcol: chiudiamo il portico di San Marco"

Esposto in Procura e richiesta alla Curia di chiudere con un'inferriata il portico ed "eliminare il problema alla radice": da anni il sagrato è diventato luoo di ritrovo di giovani e giovanissimi, "ma c'è anche qualche adulto..." scrivono i residenti

Scritte sui muri della chiesa e dei palazzi storici, ma non solo: musica ad alto volume, schiamazzi, lancio di bottiglie, consumo di alcol e droghe, urina sui muri. I residenti di vicolo San Marco sono stufi, e depositano un esposto in Procura contro "un numeroso gruppo di ragazzi di entrambi i sessi e di varia eta' (mediamente minorenni) i quali, pressoché' giornalmente, durante le belle stagioni, si raggruppano e stazionano sotto il portico della Chiesa di San Marco in Piazza degli Agostiniani durante le ore pomeridiane e serali".

Il fenomeno è sotto gli occhi di tutti e noto da tempo: capita spesso, passando per la chiesa di san Marco, di incontrare qualche gruppetto di ragazzi sfaccendati, italiani e stranieri. Da tempo il muretto di fronte all'ingresso della chiesa ed il sagrato coperto sono luogo di ritrovo. L'esposto prende in considerazione l'ipotesi di reato di "disturbo alla quiete pubblica e dannneggiamento di beni culturali".

La scorsa estate Polizia Locale e Carabinieri hanno intensificato i passaggi per via San Marco, quest'estate il controllo sembra essere meno  intenso, stando a quanto riportano i residenti, ed il fenomeno è cresciuto. I residenti chiedono di chiudere il portico con un'inferriata. L'esposto è indirizzato alla Questura, al Comando di Polizia Locale, ai carabinieri ed al Comune, ma anche  alla Curia, che naturalmente è la diretta interessata  per quanto rriguarda quest'ultima richiesta. 

L'ultima parola sulla chiusura del portico spetta dunque al Vescovo. Ma le segnalazioni dei frequenti episodi sono oggetto di continue telefonate al 112 ed alla Polizia Locale: "Nelle precedenti segnalazioni e' stata anche denunciata qualche preoccupante presenza di adulti insieme ai ragazzi - si legge nella nota che accompagna l'esposto - Da notare, infine, la presenza, nuovamente, di qualche clochard che pernotta sotto il portico. Una situazione che spinge i sottoscritti a chiedere di risolvere il problema alla radice con la chiusura del portico con una opportuna
inferriata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Attualità

Il Trentino è in zona arancione, le precisazioni di Fugatti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento