Base jumper precipita al Sass Pordoi e muore

E' stato fatale l'impatto con la roccia per uno sportivo americano che praticava il base jumping al Sass Pordoi

Un salto dal Sass Pordoi è costato la vita questa mattina ad un base jumper americano, Mario Richard, classe 1966. Sul posto sono intervenuti gli uomini del soccorso alpino e l'elicottero dell'Aiut Alpin, oltre alle forze dell'ordine che chiariranno la dinamica dell'incidente.

Secondo le ricostruzioni dei soccorritori, basandosi sulle testimonianze di altri jumper presenti, l'uomo lanciatosi con la tuta alare intendeva passare molto vicino alla parete tra due torri di roccia, e forse per aver calcolato male la distanza, ha urtato in volo la parete verticale, più volte per circa 150 metri prima di schiantarsi al suolo.

Il base jumping è uno sport estremo che consiste nel lanciarsi nel vuoto con apposite tute munite di membrane che fungono da "ali", da altezze considerevoli, perciò viene spesso praticato in montagna su pareti verticali, aprendo poi il paracadute negli ultimi metri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

Torna su
TrentoToday è in caricamento