menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morso al volto da un pit-bull ad Ala, Veterinari Trentini: "Certe razze non possono essere solo status symbol"

La risposta del Consiglio dell'Ordine dei Veterinari dopo l'inquietante episodio avvenuto nel Basso Trentino

"I cani pericolosi non esistono". Ne è convinto Pierluigi Raffo, responsabile del Parco canile di Arcadia onlus che si prenderà cura di Ronnie, il pit-bull dui Ala che venerdì scorso ha assalito un 75enne volontario della consegna di pasti a domicilio. Secondo le prime ricostruzioni il cane sarebbe riuscito a saltare fuori da una finestra aperta al primo piano di un'abitazione in via del porto assalendo poi il pensionato e procurandogli proffonde lacerazioni al volto. 

Parlano di rrazze come "status symbol" i veterinari trentini che con un comunicato intervengono nella vicenda: "Constatiamo purtroppo sempre piu? di frequente che i possessori di alcune razze canine, sottovalutano spesso i segnali di aggressivita?, purtroppo a volte non evidenti, che possono comparire anche improvvisamente tra i 18 ed i 24 mesi di vita dell’animale: questi casi di “aggressivita? pericolosa” sono comunemente preceduti da campanelli di allarme che per qualche ragione non sono stati colti e interpretati nella giusta maniera - si legge nella nota - La necessita? di saper gestire correttamente il proprio animale e? sconosciuta a molti proprietari: se il possesso di un cane rappresenta solamente uno “status simbol” senza costituire un rapporto di grande valore sia per l’essere umano che per il cane, questi eventi “imprevedibili” potranno prevalere e dar luogo a comportamenti anche molto pericolosi per le persone o per altri cani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento