Cronaca

Piste da sci, niente da fare: forse a Natale non ci si potrà nemmeno muovere dal proprio Comune

Chiusura totale, non solo per le piste ma per tutto il comparto turistico invernale visto che nel nuovo Dpcm si prevede un "rafforzamento" delle zone gialle

Linea dura del Governo sulle piste da sci: la probabile chiusura, non solo delle Regioni ma anche dei Comuni, a Natale e Capodanno mette la parola 'fine' al lungo confronto con le regioni alpine, Trentino in testa, che chiedevano possibili aperture degli impianti. La Giunta provinciale aveva passato in rassegna varie proposte, tra cui quella di consentire l'acquisto di skipass solamente ai turisti ospitati negozi alberghi per almeno una notte. L'Alto Adige, contrariamente, aveva invece pensato di aprire le piste solamente ai residenti.

Comuni chiusi a Natale? Ecco le ipotesi sul Dpcm

Nessuna di queste possibilità sembra destinata a realizzarsi. Se ne riparla a gennaio: questo il messaggio che sembra arrivare dalle indiscrezioni raccolte dai media nazionali sul prossimo Dpcm. Una linea in parte confermata dalla comunicazione del ministro Speranza in parlamento nella mattinata di mercoledì 2 dicembre. Non si parla più nemmeno di sci, ma è evidente che i divieti di spostamento fanno saltare ogni possibile apertura prima dell'Epifania. La questione, anche a livello internazionale, sembra ormai definitivamente chiusa dopo l'annuncio dell'Austria di voler tenere chiuse le piste fino a gennaio. "Se il Governo decide di chiudere, come pare, deve anche darci un'ipotesi di apertura, cioè una data ch ad oggi non c'è ancora, per poter permettere al settore di organizzarsi - ha detto il governatore trentino Maurizio Fugatti in conferenza stampa -. Nel frattempo ho chiesto al Governo di prevedere ristori per tutte le attività del settore". 

Secondo Today.it con il decreto ministeriale gli spostamenti saranno consentiti solo verso la residenza e il domicilio a partire dal 21 dicembre anche nelle zone gialle. Il 25, 26 e 31 dicembre potrebbe scattare il divieto di muoversi dal proprio Comune. Il coprifuoco alle 22 sarà valido anche per le festività, compresa la tanto dibattuta notte di Natale. Si discute della possiblità di prorogare l'apertura dei negozi alle 21 e di eventuali deroghe al divieto di spostamento per raggiungere i parenti, molto probabilmente solo nel caso di anziani soli. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piste da sci, niente da fare: forse a Natale non ci si potrà nemmeno muovere dal proprio Comune

TrentoToday è in caricamento