Piste chiuse in Trentino per l'emergenza coronavirus

La decisione della Giunta dopo un affollato weekend sulle piste

Marco Valle, Cermis

Piste chiuse in Trentino Alto Adige per emergenza coronavirus. Lo hanno deciso, con due distinte ordinanze ma di comune accordo, le giunte provinciali di Trento e Bolzano dopo un weekend incredibilmente da "tutto esaurito" sulle montagne della regione, forse anche a causa della chiusura delle scuole in tutta Italia.

La Giunta trentina, presieduta dal governatore Maurizio Fugatti, si è riunita in seduta straordinaria ed attorno al mezzogiorno di lunedì 9 marzo ha decretato la chiusura degli impianti, a partire dal giorno successivo, martedì 10 marzo. 

La decisione è stata presa, come si legge in una nota "al fine di garantire un rafforzamento delle misure per il contenimento dei contagi, dopo le prime disposizioni impartite per evitare concentrazioni di persone non conformi alle disposizioni del decreto governativo. La Giunta sta mantenendo costantemente i contatti, oltre che con l'esecutivo di Bolzano e la Regione Veneto, anche con le società che gestiscono gli impianti, fiduciosa nella condivisione di questa scelta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento