Cronaca

Piedibus: il servizio gratuito arriva anche a Meano

Hanno già aderito trentasei bambini, suddivisi sulle tre linee disponibili del percorso

Grazie alla disponibilità di sedici genitori volontari, tra cui un promotore e coordinatore, di alcuni insegnanti e del dirigente scolastico dell'Istituto comprensivo Trento 7, arriva anche a Meano il Piedibus. Il primo mezzo partirà alle 7.45 diretto alla scuola primaria De Carli di Meano. Finora hanno dato la loro adesione trentasei bambini, suddivisi nelle tre linee che saranno attivate: arancione (da via della Fornace e via delle Sugarine), 

blu (da via dei Palustei, partendo da via M. Pederzolli/piazza dell’Assunta, con una fermata intermedia per accogliere gli studenti provenienti da via delle Vecchie Pontare), rossa (dall’intersezione tra Vicolo dei Portoni e Via M. Pederzolli per poi allacciarsi alla linea blu).
 
Il Piedibus di Meano si chiama C.I.A.O. (Camminiamo Insieme Autonomi e Organizzati) e viaggerà in via sperimentale fino a dicembre tutti i mercoledì mattina; con un adulto “autista” sul davanti e un adulto “controllore” nella parte posteriore, segue un percorso stabilito, raccogliendo i passeggeri alle “fermate” predisposte lungo il cammino.
 
Obiettivo dell'iniziativa è far scoprire ai bambini un modo diverso di muoversi all’interno del sobborgo e renderli più consapevoli e indipendenti, approfittando del tragitto che compiono ogni giorno per andare a scuola, ma anche ridurre l’utilizzo di veicoli privati nei percorsi casa-scuola con conseguente vantaggio per tutta la comunità in termini di traffico e di inquinamento atmosferico.
 
I costi, rappresentati in particolare dai servizi assicurativi che coprono gli autisti volontari e i bambini viaggiatori, sono a carico dell’amministrazione comunale.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piedibus: il servizio gratuito arriva anche a Meano

TrentoToday è in caricamento