No alla caccia nei parchi: LIPU lancia la petizione dopo la delega del Governo alla Provincia

Prosegue la battaglia delle maggiori associazioni animaliste nazionali contro la delega alle province autonome che apre i parchi alla caccia e consente di modificare l'elenco delle specie protette

Prosegue la battaglia delle maggiori associazioni ambientaliste nazionali contro la delega firmata dal Consiglio dei Ministri che affida alle province di Trento e Bolzano la totale competenza sulla caccia. E' la LIPU, in questo caso, a lanciare la petizione sul sito Avaaz, per chiedere alla Provincia di Trento di fare un passo indietro.

La petizione, subito ripresa da altre associazioni come WWF e Osservatorio spontaneo sull'ambiente trentino, è rivolta al presidente della Provincia Ugo Rossi ed all'assessore all'ambiente Michele Dallapiccola, ai quali viene chiesto di "non dare atto a questo nuovo scempio".

"Una norma approvata ad hoc dal Governo" così LIPU definisce la norma attuativa che darà facoltà alle province autonome di aprire alla caccia anche le aree protette, compreso l'ex parco nazionale dello Stelvio, e di decidere temporanee modifiche all'elenco delle specie cacciabili. 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

I più letti della settimana

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

Torna su
TrentoToday è in caricamento