rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Pesticidi: se vicino agli asili solo di notte, ecco le nuove regole

Trenta metri da parchi e giardini per i pesticidi considerati tossici, obbligo di eseguire i trattamenti in orario notturno in prossimità delle scuole: ecco le distanze minime e le nuove norme approvate oggi dalla Giunta che, si spiega in un comunicato, ha voluto rafforzare le tutele previste dal decreto nazionale

Trenta metri di distanza da parchi e giardini pubblici, aree sportive ed aree verdi interne a plessi scolastici e asili nido, strutture sanitarie e socio assistenziali per tutti i prodotti fitosanitari qualora non siano adottate misure di contenimento della deriva; a 10 metri per i fitosanitari classificati tossici, molto tossici e/o recanti in etichetta le frasi di rischio previste dal PAN qualora, viceversa, siano adottate misure di contenimento della deriva; a 5 metri per i prodotti fitosanitari diversi da quelli precedenti se si contiene la deriva; a distanze inferiori (0-5 metri), ma solo per la distribuzione di prodotti fitosanitari non tossici, se si utilizzano sistemi di distribuzione dei fitofarmaci "a tunnel", lance azionate a mano con pressione moderata e proporzionata alle dimensioni della coltura, atomizzatori dotati di misure di contenimento della deriva.

PER LEGGERE IL TESTO DELLA DELIBERA CLICCA QUI: delibera distanze fitosanitari

Sono queste le distanze minime per i trattamenti fitosanitari, contenute nella delibera approvata oggi dalla Giunta provinciale in attuazione del Piano nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN), che risale al 22 gennaio scorso. Tra le regole c'è anche quella che obbliga ad effettuare i trattamenti fitosanitari in prossimità di tali aree "sensibili", ovvero asili e scuole di ogni ordine e grado, solo nella fascia oraria che va dalle ore 22.00 alle 6.00. Secondo quanto comunica la giunta si tratterebbe di criteri più restrittivi rispetto a quelli previsti dal decreto nazionale: vista la realtà trentina, con un'alta concentrazione di frutteti in determinate zone, si è deciso di rafforzare le tutele per la salute dei cittadini. I Comuni a loro volta potranno, se lo riterranno opportuno, applicare criteri ancor più restrittivi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesticidi: se vicino agli asili solo di notte, ecco le nuove regole

TrentoToday è in caricamento