rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Prodotti scaduti, insetti ed escrementi nel magazzino: nei guai un pasticcere

Sequestrati 500 chilogrammi di materie prime, per un valore stimato di 6mila euro

Denunciato un pasticcere, nel suo magazzino sono stati trovati alimenti scaduti, insetti ed escrementi. I militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (NAS) di Trento insieme a quelli della Stazione Carabinieri di San Vigilio Marebbe a novembre hanno denunciato in stato di libertà un pasticciere trentaseienne della val Badia ipotizzando a suo carico i reati di detenzione alimenti invasi da parassiti e omessa revisione periodica estintori.

Nel corso delle consuete e quotidiane ispezioni agli esercizi pubblici finalizzate sia al controllo sul rispetto delle norme igienico-sanitarie, sia al rispetto delle norme per la prevenzione della diffusione della pandemia, i militari del Nas, con il supporto dei comandi territoriali di volta in volta competenti, ispezionano cucine, magazzini, laboratori e sale da pranzo dove si conservano, lavorano e somministrano alimenti destinati al consumo umano.

Durante l’ispezione in una pasticceria a Marebbe, i militari hanno trovato all'interno del deposito di materie prime, dove si trovavano le farine utilizzate per la produzione di prodotti da forno e dolciari, alcuni  prodotti scaduti da qualche tempo. Il deposito, inoltre, sarebbe stato anche infestato da insetti e insudiciato da escrementi di roditori. A questo si è aggiunta la mancata revisione periodica degli estintori antincendio installati all'interno della citata attività commerciale.

Sono stati quindi sottoposti a sequestro cinquecento chilogrammi di materie prime, per un valore stimato di seimila euro. I Nas hanno quindi informato le autorità sanitarie e l’autorità giudiziaria per i provvedimenti di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prodotti scaduti, insetti ed escrementi nel magazzino: nei guai un pasticcere

TrentoToday è in caricamento