rotate-mobile
Cronaca Localita' Povo

Passo Rolle: addio funicolare, i soldi serviranno per quella tra Trento e Povo

Stralcio definitivo per il progetto di cui si parlava da anni, e per gli annessi 38 milioni, che ora potrebbero servire per finanziare un'altra funicolare, sognata e dibattuta: quella tra Trento e Povo, o meglio tra piazza Venezia e Mesiano. Il collegamento con il passo Rolle verrà completamente ripensato

Stralcio definitivo per il progetto di una funicolare tra San Martino di Castrozza e passo Rolle. Dopo anni di dibattiti, ed una gara annullata la Provincia ha detto  il "no" definitivo con una delibera adottata il 2 novembre scorso. Stralciato  anche il  finanziamento da 38 milioni, inizialmente previsto all'interno del fondo per il rilancio di tutta la skiarea del Primiero, operazione che  si basa comunque su uno stanziamento da 42 milioni  di euro.

Tra le  opere principali si pensa ora ad un rifacimento della famosa funivia del Rosetta, sebbene l'idea di un collegamento tra San Martino ed il passo non sia del tutto da scartare secondo piazza Dante. L'abbandono del progetto consentirebbe di spostare i soldi su un'altra funicolare, un altro progetto di cui si parla da oltre un decennio: il collegamento tra Trento e Povo, o meglio tra piazza Venezia e la stazione di Mesiano. Per prima cosa c'è da rimodernare la strada esistente: "Gli interventi prioritari si rivolgono ora al potenziamento e all’ammodernamento dell’area sciistica, e alla messa in sicurezza della strada provinciale  SS50 di Passo Rolle, per consentire l’accesso al Passo in ogni condizione ed evitare la chiusura per pericolo valanghe nei mesi invernali".


"Tali interventi non rientrano nella competenza del Piano trasporti; inoltre, subordinatamente alla realizzazione dei suddetti interventi, il collegamento tra Martino di Castrozza e Passo Rolle verrà ristudiato e riprogettato in maniera diversa da quanto previsto nel relativo Piano stralcio della mobilità e nel Piano trasporti 2009-2013 - si leggge nella delibera proposta dall'assessore Gilmozzi ed  approvata dalla Giunta -. La riduzione degli impegni succitata consente di inserire nella programmazione le risorse per realizzare un “Collegamento di Trento – Povo tramite sistemi di mobilità pubblica”, secondo quanto pianificato e programmato dal “Piano Urbano della Mobilità (PUM) del Comune di Trento approvato dal Consiglio Comunale". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passo Rolle: addio funicolare, i soldi serviranno per quella tra Trento e Povo

TrentoToday è in caricamento