Passo Paradiso: i nemici di un tempo si abbracciano

Rappresentanti degli alpini, delle associazioni combattentistiche italiane ed austriache riuniti sulla Presena per la 40° Festa della Fratellanza

I nemici di un tempo si sono scambiati un abbraccio fraterno, sulle montagne che furono il silenzioso teatro della Grande Guerra. A 2.500 metri di quota ieri, domenica 20 agosto, i rappresentanti delle associazioni militari italiane ed austriache si sono scambiati un segno di pace, come succede da ormai 40 anni. La Festa della Fratellanza, che si svolge ogni anno sul ghiacciaio della Presena in Trentino, nasce da un'idea del solandro Emilio Serra e dell'austriaco Kurt Steiner per ricucire la memoria del passato e lasciare un messaggio di pace alle generazioni future.

Più di duecento persone ieri hanno raggiunto il monumento di Passo Paradiso per la celebrazione e l'omelia presieduta dal cardinale Giovanni Battista Re. Erano presenti rappresentanti dei Gruppi Kaiserschützen, Kaiserjäger e Standschützen, delle Compagnie Schützen, della Croce Nera Austriaca, dei Gruppi Alpini, delle Associazioni ex Combattentistiche e delle associazioni di volontariato della Val di Sole e della Val Camonica e, per la prima volta, anche dei Bersaglieri italiani. L'anno prossimo la celebrazione coinciderà con i 100 anni della fine della Grande Guerra. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Val Daone: 15 mucche spaventate dal temporale cadono in un dirupo

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento