Corsa e passeggiate nel proprio comune: ecco le regole

Da mercoledì 29 aprile è permesso passeggiare e correre sul territorio del proprio comune, ecco il testo dell'ordinanza del presidente Fugatti

Sì a corsa e passeggiate, nel territorio del proprio comune, mantenendo la distanza di un metro se si cammina, e di due metri se si corre. Altro vincolo: avere con sè la mascherina, da indossare nel caso si incontrino sul proprio cammino altre persone. E' questa la novità che scatta n Trentino da mercoledì 29 aprile, valida fino al 3 maggio. 

La novità è contenuta in un'ordinanza del presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti firmata il 28 aprile, e dunque aggiuntiva rispetto a quella del 26 aprile che contiene altri allentamenti rispetto alle restrizioni prese per l'emergenza coronavirus. Per passeggiate e corse non occorrerà avere l'autocertificazione. Riguardo a corsa e passeggiate non mancano le perplessità da parte dei cittadini: si può correre e camminare in due mantenendo comunque le distanze? Si può andare in montagna? Si può camminare tutto il giorno?

Riguardo alla prima domanda non sembrano esserci indicazioni contrarie alla "passeggiata a due", nel rispetto delle norme sulla distanza interpersonale. Per quanto riguarda la montagna è da ricordare che i sentieri sul territorio provinciale sono ancora chiusi e sorvegliati dalla forestale.

"Per le passeggiate in montagna fuori dal territorio comunale, a partire del 4 di maggio, il Trentino come gli altri territori è in attesa di indicazioni dal livello nazionale" si legge in una nota della Provincia. Il dirigente della Protezione Civile ha poi specificato che "non è previsto che si possa rimanere fuori casa per l’intera giornata", lasciado intendere che, pur nel proprio comune, una vera e propria escursione non è possibile. 

Ecco cosa dice l'ordinanza

"Il Presidente ordina che dal giorno 29 aprile 2020 e fino al 3 maggio 2020 compreso, sia consentito lo svolgimento di attività motoria, limitatamente a passeggiate e corse a piedi, nel territorio del proprio comune, mantenendo comunque la distanza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metr per ogni altra attività. L'attività può essere svolta da un accompagnatore nel caso di persone non completamente autosufficienti e per i minori".

"Nello svolgimento dell'attività i minori possono essere accompagnati anche da entrambi i genitori, come disposto dall'ordinanza del Presidente del 25 aprile 2020, o da congiunti facenti parte dello stesso nucleo familiare, sempre nel rispetto della distanza di un metro da ogni altra persona non facente parte del nucleo familiare o di due metri, nel caso di svolgimento di attività sportiva".

"Nello svolgimento dell'attività motoria è necessario portare con sé una mascherina da indossare nel caso in cui ci si trovi in prossimità di altre persone, sempre e comunque assicurando il rispetto delle distanze. Tale obbligo non vige per i bambini di età inferiore ai sei anni e per le persone che non tollerino l'utilizzo della mascherina a causa di particolari condizioni psicofisiche attestate da certificazione medica, come disposto con ordinanza del Presidente del 25 aprile 2020". Ecco il testo dell'ordinanza, clicca qui: ordinanza Presidente PAT 28 aprile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento