menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ingiusta detenzione: due anarchici trentini assolti chiedono il risarcimento

Assolti nel 2015 dopo aver passato mesi in carcere ed ai domiciliari Passamani e Battisti chiedono un risarcimento allo Stato

Massimo Passamani e Daniela Battisti, attivisti del movimento anarchico in Trentino, chiedono un risarcimento per ingiusta detenzione. Si parla di una detenzione su ordinanza di custodia cautelare piuttosto lunga per Passamani: due mesi in carcere a Tolmezzo e ad Udine ed altri quattro ai domiciliari a Rovereto tra il 2012 ed il 2013 per fatti Daniela Battisti fu innvece sottoposta al regime dei domiciliari per un mese.

L'accusa era pesante: associazione sovversiva in riferimento a 28 episodi di manifestazioni non autorizzate, aggressioni e danneggiamenti verificatisi in Val di Susa, oltre che a Rovereto e Trento. I due sono però stati assolti nell'aprile 2015 e si apprestano quindi a chiedere un risarcimento. La Corte di Cassazione avrebbbe però già respinto almeno una delle due richieste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento