Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Sacerdote trovato accoltellato all'alba. "Don Beppe, uomo semplice e attaccato alla comunità" dice don Diego Mengarda, parroco di Marano

Il parroco di Isera e Marano ricorda l'anziano sacerdote malato da tempo, trovato morto accoltellato stamattina. Venerdì avevano concelebrato la messa: "soffriva per la malattia ma faceva di tutto per la sua chiesa".

"Venerdì avevamo celebrato insieme la messa, lui aveva chiesto di poter restare seduto perchè non ce la faceva, era molto malato, si alzò in piedi solo per la consacrazione" così don Diego Mengarda, parroco di Marano, Isera, Patone e Lenzima, ricorda don Giuseppe Peterlini, il sacerdote trovato morto per accoltellamento questa mattina all'alba nella canonica di Marano dalla perpetua, la signora Pierina.

La donna, di 91 anni, lo aiutava nelle faccende quotidiane e nella gestione della chiesa di San Pancrazio da quando don Giuseppe si era insediato, 42 anni fa. Dopo averlo trovato senza vita questa mattina ed aver dato l'allarme in paese è stata portata in ospedale ancora in stato di choc.

"Io ho appreso la notizia da un parrocchiano questa mattina, dopo la prima funzione, sono andato a Marano ma non mi hanno lasciato avvicinare alla canonica" spiega don Diego, che dal 1997 ha in carico le parrocchie di Lenzima e Patone a cui si sono aggiunte dal 2006 anche quelle di Marano e Isera. "Era un uomo semplice e faceva di tutto per la sua chiesa, per la sua comunità, anche troppo tant'è che dovevamo frenarlo perchè non aveva più l'età per un impegno così" continua il parroco "era malato da tempo e recentemente era stato ricoverato in ospedale, tornato in paese si faceva aiutare dalle persone per percorrere quei 50 metri in salita che portano alla chiesa".

 chiesamarano2-2

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sacerdote trovato accoltellato all'alba. "Don Beppe, uomo semplice e attaccato alla comunità" dice don Diego Mengarda, parroco di Marano

TrentoToday è in caricamento