Parco Avventura sotto sequestro: i tre turisti feriti, tra cui un bimbo di 10 anni, stanno bene

Sigilli del Carabinieri all'area avventura di Campitello di Fassa dove un palo si è spezzato facendo precipitare due uomini ed un bambino

I carabinieri di Cavalese sequestrano l'area

Il Parco Avventura di Campitello di Fassa è sotto sequestro dal pomeriggio di domenica 2 giugno, quando la rottura di un palo di sostegno di una delle attrazioni fatto precipitare due uomini ed il figlio di uno di loro, di soli 10 anni. I Carabinieri della Compagnia di Cavalese hanno posto i sigilli sull'intera struttura, dove verranno svolti approfonditi accertamenti per tentare di capire cosa sia successo esattamente.

Nel frattempo arrivano buone notizie sulle condizioni cliniche dei tre turisti rimasti vittime dell'incidente: dall'ospedale S. Chiara, dove sono stati trasportati d'urgenza per le cure del caso, fanno sapere che non ci sarebbero consueguenze particolarmente gravi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno svolto accertamenti nell'immediatezza dei fatti ed informato l'Autorità Giudiziaria dell'accaduto. Per ora non ci sono indagati. Il palo si è spezzato alla base, facendo precipitare i tre da un'altezza di circa 5 metri. Un episodio che, come detto, si sarebbe potuto concludere in maniera drammaticamente diversa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento