Viabilità

Monopattini elettrici, più controlli per limitare i parcheggi scorretti

Sovrapprezzi e sanzioni più severe per chi intralcia il traffico

Il Comune di Trento, la polizia locale e le ditte di noleggio presenti in città hanno deciso di intensificare i controlli e la collaborazione per contrastare il parcheggio scorretto dei monopattini elettrici. 

In caso di sosta irregolare, la polizia può contattare direttamente l’operatore che gestisce il servizio di sharing per recuperare il monopattino e risalire all’ultimo possessore, che viene multato. Da giugno, inoltre, le soste lontano dai cosiddetti “punti di non intralcio” comportano un sovrapprezzo sul servizio offerto dagli operatori. 

A Trento esistono oltre 250 “punti di non intralcio”, mappati dalle ditte di noleggio, in cui lasciare i monopattini senza causare problemi al traffico. Questi punti sono suddivisi fra parcheggi per moto e rastrelliere per biciclette.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopattini elettrici, più controlli per limitare i parcheggi scorretti
TrentoToday è in caricamento