Uccise il marito con una coltellata, Agostini condannata in appello

Condanna di secondo grado a quattro anni, due mesi e venti giorni, per avere ucciso il marito a coltellate. Questa la sentenza d'Appello per l'omicidio di Paolo Scrinzi, 64 anni, ucciso dalla moglie, Simonetta Agostini, 57 anni

Condanna di secondo grado a quattro anni, due mesi e venti giorni, per avere ucciso il marito a coltellate. Questa la sentenza d'Appello per l'omicidio di Paolo Scrinzi, 64 anni, ucciso dalla moglie, Simonetta Agostini, 57 anni. La donna era stata condannata in primo grado a dicembre del 2012 a cinque anni per omicidio preterintenzionale. La sentenza di secondo grado è stata emessa lunedì in serata, riducendo quindi la pena rispetto a quella di primo grado. La donna potrà ora chiedere gli arresti domiciliari. Il delitto, avvenuto a Villa Lagarina, era maturato dopo una lite tra la donna e il marito, culminata poi con una coltellata all'addome di quest'ultimo, trovato dai carabinieri e dai sanitari in un lago di sangue. La donna si era difesa raccontando agli inquirenti che poco prima, Scrinzi le aveva tenuto la testa bloccata sotto il rubinetto dopo una discussione molto accesa. La donna aveva poi preso un coltello, ferendo a morte il compagno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coltiva marijuana in un campo, a casa ne ha quasi un quintale: arrestato insospettabile 47enne

  • Un rombo fortissimo, aerei da guerra sopra Trento: ecco perchè

  • Ha un malore alla guida mentre è al telefono con la moglie, si schianta e precipita in un dirupo: morto

  • Tragico incidente, motociclista morto, due feriti e veicoli carbonizzati a Nomi

  • Fermati al casello A22 con 12 chili di cocaina: trafficanti traditi dai calzini

  • Frecce Tricolori: spettacolo nei cieli di Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento