Muore dopo la caduta sugli sci: aperta un'inchiesta, pista sotto sequestro

La Procura di Trento indaga per capire se nel punto dove è avvenuto l'incidente, purtroppo mortale, la rete di protezione fosse a norma

Una rete di protezione a bordo pista avrebbe, forse, potuto salvare Bruno Paoli, il poliziotto di 48 anni residente a Sant'Orsola, morto in seguito alla caduta sugli sci mentre si trovava con la famiglia sulle piste della Panarotta. E' questa l'ipotesi che le indagini della Procura di Trento contribuiranno a confermare o escludere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta aperta dalla Procura sulla morte di Paoli vede iscritto nel registro degli indagati un responsabile della società che gestisce gli impianti. Il tratto di pista teatro del fatale incidente è stato posto sotto sequestro per consentire gli accertamenti da parte delle forze dell'ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

Torna su
TrentoToday è in caricamento