rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via Gian Domenico Romagnosi

Palestra con piscina "travestita" da associazione sportiva: arriva la Guardia di Finanza

Sequestrati conti bancari e la villetta del titolare, un sessantenne trentino

Palestra e piscina travestiite da associazione sportiva dilettantistica. E' questa l'accua mossa dalla Guardia di Finanza nei confronti di una nota realtà situata nel centro di Trento, che offriva attività sportive a soci, eludendo così le tasse di una vera e propria attività commerciale e sfruttando invece tutte le agevolazioni accordate alle realtà dell'associazionismo sportivo. 

"Nei fatti l'ente gestiva professionalmente e imprenditorialmente impianti sportivi (palestre, piscina, sala pesi, ecc..), tenendo anche corsi e colonie estive, aperti al pubblico (e non solo agli associati) dietro il pagamento di corrispettivi, in regime di concorrenza sleale rispetto alle analoghe strutture regolarmente presenti sul mercato", si legge nel comunicato della Guardia di Finanza.

Peccato che  le attività offerte dall'ente in questione non rientrassero tra quelle previste dal Coni per le associaizoni sportive dilettantistiche. La Guardia di Finanza specifica che per quanto riguarda redditi dichiarati e relative imposte dirette non sono state superate le soglie per il procedimento penale, la questione sarà definita in sede amministrativa. Diverso discorso per l'Iva: 539.529 euro, calcolati dagli inquirenti, che hanno fatto scattare il sequestro di un valore equivalente.

I Finanzieri hanno quindi posto i sigilli a oltre 230.000 euro sui vari conti bancari dell’associazione e del suo rappresentante legale, un sessantaseienne trentino, nonché la villa e annesso garage, di proprietà di quest’ultimo, per una quota del valore di circa 310.000 euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palestra con piscina "travestita" da associazione sportiva: arriva la Guardia di Finanza

TrentoToday è in caricamento