Padre e figlio scivolano sul ghiacciaio: recuperati grazie alle foto inviate alla madre

Il ragazzo è scivolato su un nevaio, il padre per recuperarlo è finito in un canalone. I soccorsi hanno individuato la zona grazie alle foto

Padre e figlio bloccati a 3000 metri di quota, salvati grazie alle fotografie inviate alla madre, che li aspettava a valle. Protagonisti della disavventura un turista olandese ed il figlio 12enne, saliti lungo il "sentiero dei fiori" al Lago Scuro, sul ghiacciaio Presena.

L'uomo aveva inviato delle foto alla moglie, prima di prendere la via del ritorno. Un dettaglio che si è rivelato fondamentale per individuare il luogo in cui i due si trovavano quando, improvvisamente, il ragazzino ha messo il piede in fallo ed è scivolato per un centinaio di metri sul nevaio.

A lanciare l'allarme è stata la madre, che non ha visto tornare il marito ed il figlio. Per identificare il luogo dell'incidente i soccorritori si sono basati sulle foto inviate alla donna. In pochi minuti un elicottero ha raggiunto la zona, individuando il punto in cui si trovava il ragazzino. 

Un tecnico di elisoccorso è stato calato con il verricello fino a raggiungere l'infortunato, che è stato stabilizzato e poi caricato a bordo. In un secondo momento il velivolo è tornato in quota per recuperare il padre, bloccato in un canalone. Entrambi sono ora fuori pericolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento