La denuncia di un oss: "Ho i sintomi e non mi fanno il tampone". Bordon: "E' grave"

La denuncia di un oss diffusa dalla Cgil, il direttore di Apss: "Se risultasse vero sarebbe grave"

"Ho i sintomi e mi negano il tampone, il collega con il quale lavoravo fianco a fianco è già a casa". Così un operatore socio sanitario dell'ospedale S. Chiara di Trento si è rivolto alla Cgil, che ha denunciato la situazione grave descritta dal lavoratore all'interno del maggiore ospedale trentino. 

"Nei giorni scorsi, il nostro tesserato ha lavorato assieme a un collega che ora è a casa, "in malattia" con sintomi Covid-19. Nemmeno a quest’ultimo è stato fatto il tampone - scrive la segretaria della Fp Cgil del Trentino Gianna Colle -. Chiedo dunque perché questi lavoratori non siano stati sottoposti all’esame, soprattutto considerando che così vorrebbero le linee guida dell’Azienda sanitaria. Chi si assumerà la responsabilità di avere un potenziale infetto che lavora normalmente in ospedale?»

Sulla vicenda si è espresso, nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento sulla situazione in Trentino, il direttore dell'Apss Paolo Bordon che ha parlato di una grave inottemperanza alle linee guida aziendali. "Se questa vicenda risultasse vera allora sarebbe una situazione veramente grave - ha detto - perchè le linee guida aziendali, peraltro condivise con i sindacati, dicono che chi ha sintomi deve essere immediatamente tamponato e se positivo messo in isolamento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento