menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
archivio

archivio

Cinquemila euro a chi fornirà informazioni sull'uccisione dell'orso M2

L'associazione Eppaa ha messo una "taglia" sul bracconiere: darà 5.000 euro a chi fornirà prove concrete utili ad individuare chi ha sparato all'orso in Val di Rabbi. La legge prevede infatti fino a un massimo di 2.000 euro di ammenda, "irrisoria" secondo il presidente Pellegrini

Una legge promulgata nel 1992 e mai aggiornata, che prevede per chi abbatte un animale di specie "altamente protette" ammende da 774 a 2.064 euro. Cifre che non sarebbero sufficienti a scoraggiare tali atti, secondo il presidente dell'Ente Provinciale Protezione Animali e Ambiente Andrea Pellegrini che, in una nota pubblicata sul sito dell'associazione e ripresa ieri dal sito Lavalsugana.it, ha annunciato che verranno dati 5.000 euro come ricompensa a chi "con idonee testimonianze e prove concrete renderà possibile l'identificazione dell'autore del reato penalmente rilevante".

Una legge tralaltro mai applicata, almeno per quanto riguarda l'orso, poichè non era mai successo a memoria d'uomo che un plantigrado venisse abbattuto in Trentino, come conferma Pellegrini anche se, precisa, "c'è molta confusione in merito: gli esemplari muniti di radiocollare sono solo quelli reintrodotti dalla Slovenia e spesso il collare non dura più di due anni, ci sono poi i cuccioli, che non sono monitorati; capita quindi che di un esemplare si perdano completamente le tracce e non sempre viene ritrovato morto".

L'intento dell'associazione (che non è un ente pubblico, anche se il termine "provinciale" potrebbe farlo pensare) è quello di "perseguire un delinquente: porteremo all'attenzione degli inquirenti le prove oggettive, qualora ce ne siano, e se ci sarà un processo ci costituiremo parte civile, anche se di solito per casi come questo si patteggia sempre". Pellegrini è presidente dell'associazione fin dalla sua fondazione nel 1989 e conosce bene la legge in materia. Totale la condanna del gesto: "un atto da vigliacco, oltre che un reato, il responsabile deve assolutamente essere identificato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento