Orso a Sardagna? La forestale: "Era solo una faina"

Il Servizio Foreste e Fauna risponde ad un articolo allarmistico apparso su un quotidiano locale

"Un fatto ordinario e sostanzialmente irrilevante, diventato ancora una volta occasione diffondere allarmismo sul tema orso". Questa la categorica smentita del Servizio Foreste e Fauna ad un articolo comparso su un quotidiano locale che segnalava la presenza dell'orso a Sardagna, borgo alle pendici del monte Bondone, sopra Trento.

L'allarme era scattato dopo il ritrovamento di diverse galline morte all'interno un pollaio, uccise da un animale. Il fatto risultava ancora più preoccupante perchè laciava supporre che l'orso, forse mosso dalla fame essendo prossimo al letargo, si fosse spinto fino al paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La verifica dei fatti non lascia scampo alla fantasia: "il tempestivo sopralluogo del personale forestale ha potuto accertare che la predazione delle galline é avvenuta ad opera della faina" si legge nella nota pubblicata nella sezione "fact check" del sito provinciale dedicato ai grandi carnivori, dove con cadenza mensile vengono confutate, e a volte smentite, alcune notitizie diffuse dai media sulla presenza dell'orso in trentino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento