Cronaca

Orsi trentini, è guerra sulle nuove linee guida. Attivisti: "sostanziale parere positivo di Ispra? Mezza verità"

Nuovi dettagli emergono dopo una richiesta di accesso agli atti da parte degli animalisti di Gaia Animali & Ambiente

Non smettono di far discutere le nuove linee guida sulla gestione dei grandi carnivori stabilite e approvate dalla Giunta provinciale, in Trentino. Questa volta a prendere parola sono gli attivisti di "Gaia Animali & Ambiente" che, dopo una richiesta d'accesso agli atti, hanno potuto leggere la risposta di Ispra, in particolare sull'abbattimento degli esemplari confidenti. "Il parere 'sostanzialmente positivo' dichiarato nel comunicato della Provincia di Trento e ripreso dai giornali non corrisponde in tutto al vero" tuonano gli attivisti.

"Ispra, infatti, ha fatto cambiare le linee guida della prima versione, e anche nella versione finale esprime contrarietà sulla omissione della dettagliata valutazione tecnica dell'orso presunto confidente, e soprattutto giudica 'non sufficientemente motivata' la considerazione che l'abbattimento medio di 2 orsi all'anno non inciderebbe sullo stato di conservazione della specie. Considera infine 'ineludibile la valutazione specifica' caso per caso, come prescritto peraltro dal Pacobace".

Altri dettagli che gli attivisti di Gaia Animali & Ambiente hanno trovato nei documenti sottolineerebbero che "Ispra 'prende atto che si intende ricorrere ad ordinanza di rimozione'" si legge nella nota "escludendo la possibilità di una 'dettagliata valutazione tecnica' e dice chiaramente che occorre una valutazione specifica su ogni singolo intervento di rimozione per valutare l'incidenza sullo stato di conservazione della popolazione di orsi".

“Come è già capitato altre volte il presidente della Provincia Fugatti sembra voler prendere facili scorciatoie”, commenta il presidente di Gaia Animali & Ambiente, Edgar Meyer. “La politica seria e rigorosa dovrebbe, a nostro giudizio, essere altro. Che peccato e che delusione. La Provincia di Trento, per colpa del suo presidente, sulla gestione degli orsi sta facendo una brutta figura mondiale. Invece di catture e fucilazioni di orsi un'istituzione dovrebbe fare informazione onesta e corretta, cultura della convivenza, prevenzione attiva con il coinvolgimento della popolazione. Le proposte non mancano”, conclude Meyer. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orsi trentini, è guerra sulle nuove linee guida. Attivisti: "sostanziale parere positivo di Ispra? Mezza verità"

TrentoToday è in caricamento