Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trento, scoperta truffa informatica da 600 mila euro: arrestate 7 persone e sequestrati preziosi, auto, anabolizzanti, armi e quadri

Le forze dell'ordine hanno smantellato un sodalizio di cyber criminali: «mascherati» da manager di una società trentina che, dopo averne hackerato la casella di posta elettronica aziendale, hanno «dirottato» i pagamenti effettuati da una società bosniaca per l’acquisto di un macchinario industriale

 

Guardia di Finanza e polizia di Stato della Provincia autonoma di Trento hanno smantellato un sodalizio di cyber criminali: «mascherati» da manager di una società trentina che, dopo averne hackerato la casella di posta elettronica aziendale, hanno «dirottato» i pagamenti effettuati da una società bosniaca per l’acquisto di un macchinario industriale. È l'operazione «Matrioska» resa nota il 13 ottobre del 2020 e che è durata circa un anno. Un'operazione in cui le forze dell'ordine hanno scoperto un gruppo di malfattori che ha sottratto 600 mila euro frazionati e riciclati attraverso società italiane, bulgare, polacche, ungheresi, slovene e del Regno Unito. Le forze dell'ordine hanno denunciati a vario titolo alla Procura distrettuale di Trento per frode informatica aggravata e riciclaggio transnazionale, dodici persone, di cui sette tratte in arresto. Uno degli indagati percepiva il reddito di cittadinanza. Nella maxi-operazione sono inoltre stati sequestrati due pistole, 1.900 tra fialette, flaconi e confezioni di sostanze dopanti, auto di lusso, immobili, preziosi e quadri di valore.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrentoToday è in caricamento