menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Tgr Rai

Foto Tgr Rai

Omicidio-suicidio a Folgaria: alcolismo e problemi in famiglia

È emerso che i rapporti, all'interno della famiglia erano da tempo molto tesi in quanto Massimo Toller, un ex camionista, abusava di sostanze alcoliche e spesso non ragionava

Aveva problemi di alcolismo l’uomo che ieri sera a Costa di Folgaria ha ucciso il figlio della compagna a fucilate e poi si è tolto la vita. Si tratta di Massimo Toller, 60 anni, che ha ucciso con una fucilata in pieno viso Alessandro Pighetti di 31 anni, figlio della sua compagna, e poi si è ucciso utilizzando la stessa arma. La compagna, Renata Pighetti, è riuscita a mettersi in salvo scappando da una finestra, rifugiandosi in un negozio. È stata proprio la donna a lanciare l’allarme chiedendo l’intervento dei carabinieri.

Folgaria: paese sotto shock

Oggi è emerso che i rapporti, all’interno del menage familiare, erano da tempo molto tesi in quanto Massimo Toller, un ex camionista, abusava di sostanze alcoliche e spesso non ragionava. Ieri sera, poco prima della tragedia, l’uomo aveva minacciato una prima volta Alessandro Pighetti con una pistola. Il giovane era però riuscito a disarmarlo ma non sapeva che Toller avesse in casa anche un fucile. Come detto alla base della tragedia c’è una situazione familiare sempre più tesa e difficile. Massimo Toller era un ex camionista e da qualche tempo abusava nel consumo di sostanze alcoliche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento