Processo rinviato per Ciccolini, ipotesi di risarcimento da 200mila euro. La madre di Lucia: "Voglio solo giustizia"

Oggi in aula a Trento era presente anche la madre di Lucia Bellucci, la ragazza di 31 anni uccisa il 9 agosto in Val Rendena. Rinviato il processo per Vittorio Ciccolini, accusato del terribile delitto. Dai suoi legali arriva l'ipotesi di risarcimento da200.000 euro

"Mia figlia non tornerà mai più e vorrei solo giustizia, ma sembra che qua... E da Ciccolini non ho mai avuto richieste di perdono". A parlare è la madre di Lucia Bellucci,la ragazza di 31 anni uccisa a coltellate la notte del 9 agosto in Val Rendena. Slitta ancora il processo per Vittorio Ciccolini, avvocato veronese di 46 anni, accusato, e reo confesso, del terribile delitto. La madre di lUcia era presente questa mattina in aula a Trento quando il giudice ha deciso per il rinvio all'8 ottobre, con rito abbreviato che significherebbe lo sconto di un terzo della pena, alla quale va aggiunto anche il risarcimento: per ora la proposta dei legali di Ciccolini è di 200.000 euro. La somma dovrebbe derivare dalla vendita di una casa e di un terreno, a cui, sembra, potrebbero aggiungersi donazioni in denaro a cui contribuirebbero parenti e amici di lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento