menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupata la mensa universitaria di via XXIV maggio

Un collettivo di studenti e lavoratori è questa mattina entrato nei locali dell'ex mensa universitaria. L'idea, spiegano, è quella di creare spazi per lo studio e l'aggregazione. La politica preferiscono lasciarla fuori ma parlano di temi quali il diritto alla casa, la precarietà e la contrarietà alla riforma Gelmini

Un gruppo di persone, studenti universitari e delle superiori, ricercatori ma anche lavoratori, è entrato questa mattina nei locali del'ex mensa universitaria di via XXIV maggio. Sono entrati per restarci, un'occpuazione vera e propria, e stanno ancora presidiando il posto. Hanno già avuto un incontro con l'Opera Universitaria e con le forze dell'ordine spiegando le ragioni della loro azione. 

Potrebbe essere la nascita di un nuovo centro sociale a Trento? In realtà il gruppo di occupanti, che si fa chiamare Refresh Lab e precisa di non avere alcun intento politico, punta a creare uno spazio per lo studio e l'aggregazione all'interno di uno stabile di proprietà pubblica, abbandonato da mesi. "Vista anche la mancanza di aule studio questo diventerà un luogo dove poter studiare, aperto anche la domenica, quando gli spazi dell'Opera sono chiusi" ci spiega uno dei responsabili "sarà uno spazio dove incontrarsi e lavorare insieme, abbiamo intenzione di affrontare anche alcuni temi che ci stanno a cuore: istruzione, casa, povertà, precarietà, escludiamo assolutamente feste e concerti, non è questa la nostra intenzione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento