menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine tratta dal progetto

Immagine tratta dal progetto

A Martignano il nuovo asilo nido sarà ad emissioni zero

Con l'irraggiamento solare e la geotermia il nuovo edificio non avrà bisogno di allacciamento alla rete di distribuzione del gas, il costo previsto è di quasi 3 milioni di euro. I posti disponibili sono 45

Quasi 3 milioni di euro (2.850.000 euro) è la stima del costo per la costruzione del nuovo asilo nido di Martignano, che potrà ospitare fino a 45 bambini. L’area individuata per la realizzazione si trova all’interno dell’attuale parco pubblico che si sviluppa a nord est del nucleo abitato fra la via Camilastri, via dell’Albera e la zona sportiva costituita dai campi da tennis e dal campo sportivo.  

L’aspetto architettonico della nuova struttura per la prima infanzia sarà rappresentato da un volume ad unica altezza racchiuso da una copertura a verde intensivo che “nasce” dal declivio naturale della parte est del parco. All’interno dell’edificio progettato saranno ricavati un atrio d’ingresso dove avviene la consegna dei bambini; un primo modulo dedicato all’amministrazione dell’attività; 3 laboratori; i servizi cucina e lavanderia; deposito e locali tecnici. Mentre, nella parte più esposta al sole, verranno realizzati un quarto e quinto modulo per le due grandi sezioni educative attrezzate con servizi igienici e aule sonno dedicate.
 
Tutti queste funzioni saranno connesse tra di loro e con gli spazi esterni, da un’ampia hall per le attività comuni caratterizzata centralmente da una corte interna che permette alla luce e all’aria di scendere verso gli spazi più riposti del nido e da dove si svilupperà una vegetazione verticale a testimonianza del contesto naturale in cui si colloca la nuova attività.  
 
Il progetto prevede anche ampi livelli di contenimento energetico e di sostenibilità attraverso l’utilizzo di materiali rinnovabili ad alta efficienza energetica, l’utilizzo di vetrate isolanti di ultima generazione, la realizzazione di un manto di copertura di tipo verde estensivo, il recupero delle acque meteoriche e l’impiego di impianto di ventilazione controllato con recuperatori di calore che garantiranno un fabbisogno di energia primaria globale annuo inferiore a 9 kwh/mc corrispondente alla classe A+.
 
Grazie anche ad alcune soluzioni tecnico/impiantistiche che prevedono di strutturare le energie rinnovabili naturalmente prodotte come l’irraggiamento solare e la geotermia, il nuovo edificio non avrà bisogno di allacciamento alla rete di distribuzione del gas metano e i già ridotti consumi annuali di energia primaria e di emissioni di CO2 in atmosfera saranno annullati configurando il nuovo asilo nido di Martignano come edificio a bilancio energetico pari a zero (Zero Emission).
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento