rotate-mobile
Il caso / Sant'Antonio di Mavignola

Un virus dietro la nottata infernale dei campeggiatori

I ragazzi avevano avuto episodi di nausea e vomito. Le analisi confermano l’origine del problema

Norovirus, ovvero la causa più comune di quella che normalmente viene chiamata gastroenterite. Secondo quanto riporta Il Dolomiti sulla base delle analisi condotte dall’Apss, è questo ciò che ha portato alla terribile nottata vissuta dai ragazzi vicentini in gita a Sant’Antonio di Mavignola in Val Rendena.

I fatti

I ragazzi, che frequentano a Vicenza la quinta elementare e la prima media, stavano vivendo una tipica esperienza estiva, soprattutto in Trentino: il campeggio. E mentre si trovavano nelle loro tende, i piccoli campeggiatori hanno avuto episodi di nausea e conati di vomito, tanto che gli educatori e i responsabili hanno chiamato i soccorsi sanitari.

Sanitari che, dopo aver aiutato i giovani a riprendersi – non c’è stato alcun ricovero, tutti sono stati curati sul posto – hanno fatto dei prelievi per cercare di capire che cosa avesse condotto a quella che appariva come una vera e propria intossicazione collettiva.

Archiviata la disavventura, i ragazzi hanno continuato il loro campeggio, anche grazie ai cuochi e ai responsabili della parrocchia di Brendola, che li hanno assistiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un virus dietro la nottata infernale dei campeggiatori

TrentoToday è in caricamento